Loading...

Tutto sul risarcimento diretto

Tutto sul risarcimento direttoIl risarcimento diretto, o indennizzo diretto, è un tipo particolare di procedura utilizzata per liquidare i danni derivanti da un incidente automobilistico.

Vediamo nel dettaglio che cos’è, come funziona e che cosa stabilisce la legge in merito al risarcimento diretto.

Il risarcimento diretto

Molte cose nel mondo assicurativo sono cambiate negli ultimi anni, e non solo in termini economici, anche in termini legislativi e contrattuali.

Le normative stesse che riguardano il risarcimento o i rimborsi sono state rese molto più snelle e meglio adeguate alle legislazioni europee più avanzate in materia.

La filosofia di massima è che prima di avere un giusto rimborso conseguente a un sinistro on si possono aspettare mesi, a volte anni.

La legge

Ecco che allora un metodo corretto ed efficace di affrontare il problema, è stato pensato, e realizzato, attraverso l’idea del risarcimento diretto. Questa procedura di rimborso assicurativo permette, a far data dal primo febbraio 2007, di essere risarciti direttamente dal proprio assicuratore quando non si è responsabili – o parzialmente non responsabili – di un incidente.

La relative norme che disciplinano la procedura sono contenute nel D.lgs. 209/2005. Comunque è possibile fruire di questa procedura se si è assicurati con una compagnia che aderisce alla Card, la Convenzione tra assicuratori per il risarcimento diretto.

L’Ufficio SARC

In tal senso la compagnia deve anche aver istituito un Ufficio SARC, Servizio Aziendale Riferimento Convenzioni, cioè un settore particolare nel quale sono gestiti i rapporti concernenti la Card con le altre assicurazioni consociate.

I presupposti della Convenzione a indennizzo diretto sono:

  • Incidente con urto fra due veicoli motorizzati
  • Che i veicoli siano stati immatricolati in Italia, nello Stato della Città del Vaticano oppure nella Repubblica di San Marino
  • Che siano ambedue identificati, identificabili e, ovviamente, regolarmente assicurati RCA

La procedura di risarcimento diretto inoltre:

  • E’ per legge obbligatoria nella fase stragiudiziale, cioè quella precedente all’eventuale causa
  • Non abbisogna necessariamente della firma congiunta prevista dalla constatazione amichevole d’incidente; quella, tanto per capirci, contenuta nei cosiddetti moduli blu
  • Non è né interrotta, né sospesa o comunque pregiudicata se interviene un patrocinatore per conto del danneggiato. Ad esempio un avvocato o un altro mandatario
  • Non comporta sempre un pieno e automatico reintegro da parte della compagnia debitrice a ciò che ha sborsato la compagnia gestionaria, ma solo un rimborso a forfait.
  • L’esclusione
  • Fra i principali casi di esclusione di risarcimento diretto, annoveriamo:
  • Un sinistro con un veicolo estero
  • Un incidente occorso all’estero
  • Un sinistro avvenuto con più veicoli
  • Un incidente occorso con un ciclomotore non in possesso della nuova targa, ai sensi del DPR 6/3/2006 numero 153
  • Quando occorre un danno grave per il conducente, ovvero una lesione con danno biologico riguardante un danno macro-permanente, cioè fuori dai casi previsti per lesioni dall’1 al 9% di cui alla legge n. 57 del 2001
  • In caso di mancato urto, ad esempio quando un veicolo, per evitarne un altro, esce di strada e urta contro un palo
  • Quando l’incidente avviene con macchine agricole o veicoli speciali.

In tutti questi casi, bisogna adottare la procedura tradizionale, rivolgendosi formalmente all’assicurazione della controparte, in base alle norme del cosiddetto Codice delle Assicurazioni, recepito nel D.lgs. 209/2005.

E’ però evidente che, anche in questi casi, bisognerà contattare prima la nostra compagnia assicurativa, specialmente se la tipologia di incidente non è chiara e/o non riusciamo a capire bene se il sinistro sia configurabile come sinistro a risarcimento diretto oppure no. Una telefonata a tal proposito col nostro assicuratore di fiducia, prima di intraprendere qualsiasi azione, non fa mai male.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Assicuratu.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons
Loading...