Loading...

Quando conviene stipulare una assicurazione privata

Quando conviene stipulare una assicurazione privataNel mare magnum delle polizze assicurative, esiste l’assicurazione privata mirata alla tutela sanitaria.

Questo tipo di assicurazione, se è facoltativa per gli italiani, diventa obbligatoria per i residenti che non appartengono all’Unione Europea, almeno nel periodo che sono in attesa del visto o del permesso di residenza.

Ma quali sono i vantaggi e i limiti di un’assicurazione privata e quando conviene a un italiano?

Perché un’assicurazione privata

Il Servizio Sanitario Nazionale ci tutela abbastanza contro infortuni e ogni altro problema di salute, tuttavia molte persone tendono a cautelarsi ancora di più sostanzialmente per due motivi.

Il primo è che a volte, se non spesso, la qualità dei servizi sanitari offerti non è proprio eccelsa. Si preferisce rivolgersi a strutture private, magari convenzionate, che sono specializzate e comunque promettono servizi migliori, anche se non sempre è così.

Il secondo riguarda purtroppo i tempi. Non è un mistero che per fare una visita o determinati esami diagnostici col sistema pubblico, passano mesi e mesi. Nel frattempo può succedere di tutto.

Ecco che allora chi ha un minimo di disponibilità economica decide di andare a vedere l’assicurazione privata, o assicurazione sanitaria integrativa, che può meglio garantire la fruizione del servizio da parte dell’assicurato.

Se andiamo a vedere in rete, di assicurazioni private ne esistono tantissime, e non c’è che andare a scegliere la migliore, oppure quella per noi più conveniente. Il consiglio, come al solito, è di non fermarsi alla prima offerta, ma armarsi di buona pazienza e alla fine orientarsi verso il pacchetto sanitario che offra il miglior rapporto qualità/prezzo.

Ma andiamo a vedere quali sono i vantaggi e i limiti dell’assicurazione privata che, grosso modo, si trovano nella stragrande maggioranza delle polizze.

Assicurazione Privata

Opzione struttura sanitaria

C’è la possibilità di scegliere la struttura sanitaria a cui rivolgersi. In qualche caso le compagnie offrono nel pacchetto una serie di strutture convenzionate. In questo modo i rimborsi avvengono direttamente dalla compagnia alle strutture.

Sussidi sanitari

E’ possibile l’acquisto di vari sussidi sanitari, come protesi, stampelle, bastoni, tripodi, sedie a rotelle, schienali, cuscini, materassi particolari, ecc.

Cure extra

Si possono fare visite ed esami nei centri privati, non previsti dalla sanità pubblica, oppure da essa ritenuti non necessari.

Esami di controllo e prevenzione

Sono previsti esami sia di controllo sia di prevenzione, cose che è più difficile trovare nell’offerta del servizio nazionale.

Copertura per la famiglia

Molte polizze prevedono una copertura a carattere generale per tutta la famiglia. Ovviamente, queste sono le più costose.

Quando conviene

Anche l’assicurazione sanitaria privata non segue regole precise. Non se ne potrebbe avvertire mai l’esigenza, come, di rimando, in alcuni particolari momenti della vita potrebbe diventare indispensabile.

Perciò è bene precisare, che anche se non è mai obbligatoria, è conveniente stipulare un’assicurazione privata quando ci si prepara a un viaggio all’estero soprattutto quando la destinazione è un Paese straniero che non aderisce alla convenzione internazionale sulla sanità e in cui difficilmente si trovano ospedali attrezzati o un servizio sanitario efficiente.

In questo caso un’assicurazione privata ci metterebbe al riparo da eccessivi esborsi di denaro e, in più ci permetterebbe di avere gratis un parere medico, l’invio di medicinali urgenti, il viaggio di un familiare, eventuale rimpatrio e quant’altro.

A che cosa prestare attenzione

Un occhio di riguardo, quando si stipula un contratto assicurazione privata, deve andare alle malattie. Bisogna controllare bene, magari con l’ausilio del proprio medico di famiglia, se determinate malattie, qualche volta importanti, sono escluse dalla copertura.

Altra cosa non secondaria da considerare è l’età dell’assicurando. Bisogna sapere che la maggior parte delle compagnie tende a non assicurare le persone dai 70 anni in su. E se qualcuna lo fa, c’è il pericolo che il premio assicurativo diventi decisamente alto.

Nei contratti esistono poi clausole che danno anche un’ampia facoltà alla assicurazione di risolvere l’accordo, allorché diventi eccessivamente oneroso per l’assicurazione stessa.

Un’ultima avvertenza: quando si stipula un contratto assicurazione privata, è decisamente sconsigliabile fare dichiarazioni mendaci sul proprio stato di salute. Esiste il rischio che non arrivino i rimborsi, o arrivino solo parzialmente. E, in taluni casi, si può anche andare incontro a sanzioni molto penalizzanti, o vere e proprie denunce. Quindi, assicurazione privata sanitaria sì, ma con tutte le cautele e l’attenzione del caso.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Assicuratu.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons
Loading...