Loading...

L’autovelox controllerà le vetture senza assicurazione: ecco come

Guida senza assicurazione Alla multa ci pensa l'autovelox
Guida senza assicurazione Alla multa ci pensa l’autovelox

I dati riferiscono che in Italia a circolare senza assicurazione sono circa tre milioni e mezzo di veicoli.

Un dato allarmante che ha spinto lo Stato a predisporre nuovi controlli: saranno autovelox e tutor a fotografare e segnalare alle autorità chi guida senza l’assicurazione RC Auto.

Guida senza assicurazione

I veicoli che circolano senza assicurazione sono in costante incremento, complice anche la crisi economica che costringe le persone a risparmiare su tutto, anche su quanto è dovuto per legge, come l’assicurazione RC Auto.

Come noto, infatti, per i veicoli a motore circolanti su strada l’assicurazione RCA è obbligatoria in base al Codice della Strada, a differenza di quella, ad esempio, per furto, copertura legale, atti vandalici e quant’altro.

Ne consegue che lo Stato, resosi conto che l’elusione dell’obbligo è quantitativamente un dato estremamente rilevante, ha deciso di correre ai ripari.

I nuovi sistemi di controllo

Posto che per controlli non si possono certo fermare tutte le macchine che circolano, il Governo ha deciso di mettere mano a un meccanismo, per così dire, automatico di controllo, che parte dai rilevamenti fotografici delle macchine che circolano.

Questo può avvenire tramite autovelox, zone cosiddette Ztl, tutor o altri meccanismi di controllo previsti per legge.

Come funzionano

In buona sostanza, potranno essere scattate delle fotografie a campione dei veicoli circolanti. Si incrocerà quindi il dato della targa con gli archivi che certificano l’esistenza dell’assicurazione RCA.

Qualora negli archivi non vi fosse presenza della regolare polizza assicurativa, è notificato al proprietario del veicolo un avviso di produzione dell’apposita certificazione che attesti l’esistenza dell’assicurazione.

Nel caso vi sia, ovviamente non si procederà; nel caso in cui il proprietario non presenti entro i termini di legge e con le modalità previste, il certificato di assicurazione, scatterà la vera e propria procedura sanzionatoria, ivi compresi gli eventuali ricorsi che potranno essere fatti per le contestazioni.

La Legge di Stabilità

Le relative disposizioni sono contenute nell’articolo 44 della Legge di Stabilità, all’interno del quale sta scritto che, attraverso tutti i dispositivi automatici omologati è possibile accertare la mancanza di copertura assicurativa del veicolo senza che la polizia stradale sia presente fisicamente.

Inoltre, nello stesso articolo si sottolinea che costituisce atto di accertamento l’intera documentazione fotografica prodotta dai dispositivi.

L’archivio integrato

La procedura di accertamento del mancato pagamento dell’assicurazione per la responsabilità civile, già esisteva tramite l’archivio integrato della Motorizzazione Civile. In questo archivio, infatti, sono presenti tutti i dati salienti del veicolo nonché i dati sul rilascio della polizza assicurativa ed eventualmente della sua cessazione.

Non solo, dall’inizio dell’anno è stato reso disponibile anche un archivio di tutti i veicoli per i quali non risulta assicurazione. I dati di questo nuovo archivio sono trasmessi in real time dalla Motorizzazione al Ministero dell’Interno e alle Forze dell’Ordine.

Vittorio Verdone, direttore dell’ANIA, ha spiegato che la notifica diretta della sanzione avrebbe reso in ogni caso la misura più incisiva. Staremo a vedere. Qualcosa ci dice che comunque, essendo previsto il meccanismo dei riscontri elettronici, probabilmente fioccheranno i ricorsi avverso questi accertamenti.

I veicoli storici

La Legge di Stabilità ha previsto anche un meccanismo di controllo più vasto e articolato su tutte le autovetture regolarmente immatricolate che però non risultano assicurate, ivi comprese quelle che sono tenute e utilizzate dai proprietari per motivi cosiddetti storici o di collezionismo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Assicuratu.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons
Loading...