Loading...

Incidente senza CID: come muoversi per il rimborso

Incidente senza CID come muoversi per il rimborsoNella vita non è difficile incorrere in un incidente stradale. Salvo che non si abbia la patente, i casi in cui non si sia mai verificato un sinistro sono davvero rarissimi.

Di solito in caso di incidente, ci viene in aiuto il CID, il modulo che attesta la constatazione amichevole dell’accaduto. Ma quando non si firma questo modulo, come bisogna muoversi per ottenere il rimborso?

Sinistro, che fare?

E’ ormai risaputo che la prima cosa da fare dopo il sinistro è mantenere la calma. Certo sempre è facile mantenersi lucidi. Ma se il danno riguarda solo i mezzi coinvolti, è bene non andare su tutte le furie per ponderare bene il da farsi.

Qual è la prima cosa da fare? Bisogna subito spostare i mezzi incidentati o è meglio non toccarli? Se l’incidente provoca danni di lieve entità, bisogna rimuovere immediatamente i mezzi incidentati altrimenti si rischia di intralciare la circolazione, specialmente in ambito cittadino dove c’è traffico notevole.

Se invece l’incidente è grave e specialmente se ci sono feriti, è bene lasciare le cose così come stanno per non causare danni peggiori, avendo cura, se possibile, di chiamare quanto prima i soccorsi.
Ricordiamo che nel primo caso, se non si spostano i veicoli, si rischia una multa da trentotto a 155 euro.

CID, in quali casi si firma?

Il CID, la constatazione amichevole di incidente, va firmato fra le parti con annessi e connessi, quando in buona sostanza ci si trova d’accordo sui termini dell’accaduto e sulle relative responsabilità. Se siamo persone ragionevoli, non è difficile arrivare a un accordo.

CID, quando non si firma?

Il CID non va siglato quando ovviamente non ci si trova un accordo, oppure, ma questo è un consiglio, quando non si è in uno stato d’animo sufficientemente tranquillo per prendere una posizione netta e acclarata da un atto scritto.

In base alle norme, inoltre, il CID non va comunque firmato se si sono verificati danni alle persone.
Il CID va consegnato alla nostra compagnia assicuratrice, avendo cura però di conservarne una copia per noi.

Incidente senza CID

Nel caso in cui non sia possibile firmare il CID sia per i motivi già detti, sia perché magari nessuno dei due conducenti è in possesso dell’apposito modulo, bisogna comunque prendere tutti i dati della controparte: generalità del conducente e degli eventuali testimoni, numero di targa e dati dell’assicurazione.

E’ preferibile anche il numero di telefono della controparte nel caso ci sia la manifesta intenzione di firmare il CID in un secondo momento.

In totale assenza di CID, inoltre è molto consigliabile, oltre alla raccolta di dati, scattare alcune foto accurate del sinistro. Poiché oggigiorno quasi tutti possiedono cellulari e smartphone che fungono anche da macchina fotografica, questa è un’operazione molto semplice.

La lettera

Con tutti questi dati, ai quali si andranno ad aggiungere data, ora, luogo e dinamica dell’’incidente con quanti più dettagli possibili, si prepara una relazione da consegnare prima possibile alla nostra compagnia di assicurazione. In alternativa si devono spedire per posta con raccomandata rigorosamente a ricevuta di ritorno.

Non c’è bisogno di interessare anche l’assicurazione di controparte poiché i contatti con questa saranno presi direttamente dalla nostra compagnia, sia nel caso in cui abbiamo ragione, sia nel caso in cui abbiamo torto.

Il rimborso

Nel caso noi siamo dalla parte della ragione, nella lettera da inviare alla nostra assicurazione bisogna specificare che la responsabilità dell’incidente deve addebitarsi alla controparte. E qui bisogna fornire tutti i dati del veicolo che ha causato il sinistro. In calce alla missiva bisogna chiedere il risarcimento del danno.

Come si quantifica il rimborso richiesto? Con un preventivo riguardante il danno subito rilasciato da un meccanico o da un carrozziere che si avrà cura di allegare alla lettera.

I tempi

Se in un sinistro non c’è la constatazione amichevole, inevitabilmente, i tempi per ottenere il rimborso si dilatano. In assenza di CID, chi ha subito il danno deve essere liquidato dall’assicurazione della controparte entro un limite massimo di sessanta giorni. Nella malaugurata ipotesi che questo non succeda, è bene recarsi all’assicurazione della controparte con tutta la documentazione per chiedere il sollecito della pratica.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Assicuratu.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons
Loading...