Loading...

Copertura spese mediche in caso di incidente: una guida completa

Copertura spese mediche in caso di incidenteLe compagnie assicurative offrono due tipi di garanzie: standard e accessorie. Le prime sono uguali per ogni assicurazione, le accessorie variano da polizza a polizza e in base alle richieste dell’assicurato.

Le spese mediche fanno parte delle coperture standard.

Coperture standard

Le spese mediche sono coperture standard e sono garantite per legge da tutte le assicurazioni, a prescindere dalla compagnia.

Le spese mediche risarcite

Una compagnia assicurativa riconosce al conducente e ai passeggeri coinvolti in un incidente automobilistico solo i danni fisici obiettivamente rilevabili, ossia quelli che possono essere certificati e visibili.

In generale un automobilista vittima di un sinistro stradale può contare sul risarcimento di queste spese mediche:

  • il ricovero presso istituti di cura, il costo per diritti di sala operatoria, interventi chirurgici, terapie, cure, fisioterapie, rieducazione motoria, trasporto in ambulanza.
  • una diaria giornaliera calcolata sul numero dei giorni trascorsi in ospedale. Tale indennizzo è riconosciuto dall’assicurazione quando la degenza avviene in Italia o all’estero. Il numero massimo dei giorni risarciti è a discrezione della compagnia assicurativa.

Va sottolineato che l’assicurazione non copre alcuna spesa medica nei casi in cui l’infortunio si fosse verificato:

  • durante azioni dolose o colpose
  • in condizioni di guida sotto l’effetto di alcool e droghe
  • durante l’impiego di veicoli in usi contrari alla legge.

L’invalidità permanente

Una polizza auto prevede un risarcimento anche quando, conseguentemente a un incidente, insorge un’invalidità permanente.

In questo è necessario esibire le certificazioni che attestino lo stato di invalidità e sottoporsi a una serie di esami obbligatori. Questo tipo di indennizzo è personale: ne gode solo l’assicurato e non può essere trasmesso agli eredi.

Il risarcimento in caso di morte

Se a causa di un incidente stradale l’assicurato perde la vita, subito o al massimo entro due anni dal giorno del sinistro, l’assicurazione riconosce un indennizzo ai familiari designati o ai legittimi eredi.

Coperture accessorie

Polizza infortuni conducente

Una RC auto obbligatoria prevede, nel caso di incidente senza colpa, il risarcimento dei danni provocati a veicoli, persone, cose e terzi trasportati sul proprio veicolo. La copertura in questo caso è a carico della polizza RC Auto della controparte.

Ma se a provocare l’incidente è il conducente che si infortuna, i suoi danni fisici non saranno risarciti da nessuno salvo che non abbia stipulato la polizza Infortuni Conducente.

Questa copertura accessoria copre i danni subiti dal conducente secondo delle tabelle tariffarie prestabilite nel contratto di polizza.

Il massimale è variabile e l’assicurato può scegliere quello che fa a caso suo tra quelli proposti dalla sua compagnia assicurativa.

Molte polizze infortuni includono anche il caso morte del conducente o la sua invalidità permanente, una diaria giornaliera di ricovero e le eventuali spese sanitarie sostenute dall’assicurato.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Assicuratu.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons
Loading...