Loading...

Colpo di frusta: in quali casi può essere riconosciuto?

Colpo di frustaIl cosiddetto colpo di frusta, trauma alla cervicale che può verificarsi a seguito di un tamponamento stradale, in fase di risarcimento danni dall’assicurazione è riconosciuto soltanto in determinati casi.

A regolarizzare l’episodio, definendo quando si può effettivamente parlare di colpo di frusta, ci ha pensato lo scorso anno il decreto sulle liberalizzazioni, avente come obiettivo quello di penalizzare chi finge di accusare il colpo di frusta e risarcire soltanto chi ne è stato veramente colpito.

Come funzionava prima

Fino a qualche anno fa, a seguito di un incidente stradale bastava esibire un certificato medico che attestava una prognosi di almeno 40 giorni per il colpo di frusta, per avviare le pratiche di risarcimento danni.

Perché non andava

Per truffare le assicurazioni, in molti simulavano falsi tamponamenti e altri incidenti con successivo colpo di frusta, che veniva certificato da un qualsiasi medico messo al corrente della situazione.

Il risultato era di 2 miliardi e mezzo di euro l’anno, sborsati dalle assicurazioni per reali e finti incidenti con colpo di frusta.

Come funziona oggi

La situazione è stata ben definita dal decreto sulle liberalizzazioni, che in pochi punti definisce i requisiti esatti per poter chiedere un risarcimento alle assicurazioni dopo essere stati colpiti dal colpo di frusta.

1. Prove mediche

La lesione dovrà essere strumentalmente certificata dal medico legale, perciò non basterà più un foglio compilato e firmato da esso, ma ci vorranno lastre o altri strumenti medici simili.

2. Prove visive

L’unica alternativa agli strumenti medici, valida secondo il decreto sulle liberalizzazioni, è una prova visiva dell’accaduto, che per il colpo di frusta sembra molto difficile da dimostrare con prove concrete.

3. Risarcimento danni per il colpo di frusta

Il colpo di frusta rientra nella voce dei danni di lieve entità o micropermanenti, che per essere risarciti dalle assicurazioni dovranno causare all’individuo che ne è colpito un’invalidità fino al 9% in meno rispetto all’integrità totale del 100%.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Assicuratu.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons
Loading...